venerdì 27 gennaio 2017

La Città e Le Stelle (Arthur C. Clarke)

Come un gioiello scintillante, la città giaceva nel cuore del deserto. Una volta aveva conosciuto sviluppi e trasformazioni, ma ora il Tempo scorreva senza alterarla. Il giorno e la notte si avvicendavano sul deserto; nelle strade di Diaspar l'oscurità non scendeva mai. Le lunghe notti d'inverno potevano ben gelare il deserto ricoprendolo di brina, ma la città non conosceva né il freddo né il caldo. Diaspar non aveva contatti col mondo esterno; era un universo a sé.
 
La Città e Le Stelle (Arthur C. Clarke)È con queste parole che inizia La Città e le Stelle (dovete ringraziare che non abbia scritto tutto il paragrafo perché ero già partita in quarta! XD). Come ho detto nei post precedenti dedicati a Clarke, ho iniziato a leggerlo a scatola chiusa e così sto continuando. Non sapevo nulla su La Città e le Stelle, quando, arrivata oltre metà libro, ho letto per caso la trama scritta su una vecchissima edizione Urania:
 
Sulla Terra sono rimaste una città e una fortezza sommersa. Nel lago che ha sommerso la fortezza c'è un mostro alto quindici metri. Il mostro ha al suo servizio una macchina. Tutto sommato, dunque, sulla Terra ce ne sarebbero ancora abbastanza per tenere in piedi un buon romanzo.
 
 
 
umm_no_sherlock
 
Ummmmm… NO! XD Primo: l’ho dovuta modificare un po’ perché spoilerosa. Secondo: fa sembrare il libro un fantasy in cui c’è un mostro da sconfiggere per salvare il mondo. Wrong! Quel mostro gioca sì un ruolo fondamentale, ma si vede al massimo per qualche pagina! XD Nelle nuove edizioni per fortuna hanno corretto, ma in attesa che mettiate mano su una copia (cosa purtroppo ardua perché attualmente la versione cartacea è reperibile solo nell’usato, mentre quella digitale solo grazie a scansioni amatoriali), vi racconto io di cosa parla veramente.
 
Ci troviamo milioni di anni nel futuro e Diaspar è l’ultima città rimasta su una Terra completamente deserta e priva di vita. È una città altamente avanzata rinchiusa in una cupola, che non ha alcun contatto con il mondo esterno. È immune alle condizioni climatiche e allo scorrere del tempo, un paradiso in cui gli abitanti vivono una vita perfetta, senza nessun tipo di problema o preoccupazione, e hanno anche raggiunto l’“immortalità”: grazie alla tecnologia, infatti, riescono a vivere mille anni, dopodiché la loro coscienza viene conservata nelle “banche memoria” e riportata in vita ciclicamente, a distanza di qualche secolo tra una vita e l’altra. Le coscienze vengono impiantate in esseri umani già adulti creati artificialmente, motivo per cui l’uomo ha perso la capacità di riprodursi e non sa più cosa sia un bambino. Gli abitanti di Diaspar quindi sono sempre gli stessi, ma per fare in modo che non si crei una situazione stagnante, le coscienze vengono riportante in vita in momenti casuali: ognuna di loro non troverà mai gli stessi abitanti delle sue vite precedenti, ma una popolazione sempre diversa.
In questo scenario facciamo la conoscenza di Alvin, che il caso vuole sia l’unico a non aver mai vissuto una vita precedente, la sua è una coscienza nuova di zecca! Grazie a questo è anche l’unico a non essere terrorizzato dal mondo esterno e l’unico a desiderare di scoprire cosa c’è oltre le mura della città. Tutti lo prendono per pazzo e non capiscono come si possa desiderare di uscire fuori da una città perfetta come Diaspar, che offre qualsiasi cosa si possa immaginare. Soprattutto, non concepiscono come possa non essere terrorizzato dal mondo esterno, dove non c’è altro che morte. Loro infatti ne sono così terrorizzati da non provare nemmeno lontanamente ad avvicinarsi alle mura e vedere com’è fatto il deserto o il cielo stesso.
 
The City and The Stars (covers)
 
Anche in questo caso, come in tutti gli altri libri di Clarke che ho letto, si tratta di un romanzo breve, con personaggi poco caratterizzati (tranne per quanto riguarda il protagonista), dove le difficoltà incontrate da loro vengono risolte quasi immediatamente. La storia però è così profonda e piena di poesia, e il messaggio che vuole comunicare così forte e importante, che tutto il resto passa in secondo piano. È meglio vivere una vita perfetta e al sicuro, o rischiare tutto per cercare altro? Questa perfezione, poi, esiste veramente o è solo un’illusione? Se esiste, a che prezzo la si è ottenuta?
 
La Città e le Stelle è stato pubblicato per la prima volta nel 1956, ed è una rielaborazione del racconto Against the Fall of Night del 1948. È breve, ma offre tante di quelle riflessioni, su tanti argomenti diversi e attuali ancora oggi, da riempire la testa per giorni e giorni! Un romanzo contro i pregiudizi, che invita a guardare oltre il proprio naso, ma soprattutto a migliorarsi sempre e a non fossilizzarsi mai sulla propria condizione. Perfetto per chiunque abbia sete di conoscenza e avventura, ma che io consiglio in particolar modo alla categoria opposta, per farle provare a guardare il mondo con occhi diversi!
 
When beauty is universal, it loses its power to move the heart, and only its absence can produce an emotional effect.

5 commenti:

  1. 1) Bellissima la gif di Sherlock XD,
    2) la trama la si intuisce di più guardando l'immagine di copertina che non leggendo la trama scritta dall'Urania,
    3) questo libro sembra BELLISSIMO.
    Il messaggio è uno di quelli che purtroppo non smetterà mai di essere attuale, e la citazione che hai messo alla fine è bella e profonda. Tutti i libri che hai citato di Clarke mi sembravano interessanti, ma devo dire la verità, questo per ora è quello che mi attrae di più!
    E complimenti per il post! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero! La trama si intuisce di più sia dalla copertina "rosa" che da quella dell'edizione inglese, le altre invece sono totalmente random! Soprattutto quella col cerchio rosso! XD

      È un libro che pizzica diverse corde. Per quanto mi riguarda, mi ha colpito tanto che al solo pensiero sento ancora le stesse emozioni di quando l'ho letto! A differenza degli altri di Clarke, un giorno lo rileggerò sicuramente!

      Elimina
    2. La copertina col cerchio rosso sembra più quella de La guerra dei mondi di Wells XD

      Elimina
  2. Complimenti per il post!
    Il libro sembra bellissimo!
    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :D

      Se ti piace la fantascienza, o se vuoi iniziare a scoprire il genere, questo libro è perfetto!

      Elimina

Grazie per aver letto il mio post e aver deciso di commentare! Per favore ricorda che dall'altra parte del monitor ci sono persone come te, perciò rispettane le opinioni anche se divergono dalle tue. Non spoilerare, ma se senti il bisogno di farlo, segnalalo! E ricorda di firmarti! I commenti anonimi finiranno nello spam e verranno cancellati. Grazie della visita! :)